opere
scritti
viaggi
ricette
amici
blog
contatti



1a parte

2a parte

 

POESIE BIS

La tassista notturna guardava avanti e lo straniero
Non poteva vederle il colore degli occhi

Quanto costa la tua notte
Tassista del chiaro di luna
Biondi i capelli o grigi o viola
La notte di Parigi rende tutto leggero
E les fleurs du mal aprono i petali alle stelle

Vorrei comprare i vostri sogni tassista
La storia del vostro passato i desideri
Del vostro futuro
Il viaggio è lungo attraversa centro e periferie

Dove andate aveva chiesto lei
Andate aveva risposto lui e lei continuava ad andare
Avenue de l’Opera il senso unico di Saint Anne i lungosenna
Qual è il prezzo delle tue parole

Parlatemi tassista di quello che volete
Parlatemi l’aria si inumidisce nebbia o pioggia in arrivo
Alla fine del racconto prendete per l’aeroporto Charles de Gaulle
La tassista delle stelle continua a guidare
Indifferente professionale complice

Forse un bacardi in un bistrot potrebbe andarvi ?

Gli occhi erano verdi fondi di bottiglia

Il tassametro continua ad andare
Ho abbastanza soldi d i luna lascialo andare

Mentre bevono lo straniero la immagina
Vestita di niente un filo di miele le scende dalle labbra
Lungo il corpo in disegni persiani profumati d’acacia

Il cielo s’è fatto scuro di pioggia e di notte

Se fosse un film che succederebbe ora si chiese lo straniero

Un barman di colore pose una chiave legata ad un pom pom
Salite la scala in fondo alla sala terza porta a destra
fuori piove e fa freddo e tutto intorno c’è pioggia e Francia

Ci vorranno molte gomme per cancellare queste scene

La stanza era minuscola nel soffitto erano incollate stelle d’argento

Speriamo che una società multinazionale fornisca in aereo
gomme cancella nostalgia

Comprò u’alba rosea senza pioggia e meno fredda

Charles de Gaulle siete arrivato Monsieur
Pagò la corsa con soldi di luna

Mentre entrava nella porta girevole una viaggiatrice
avvolta in un grande mantello entrò nel taxi
Dove andate Madame ? a casa,
la tassista delle stelle rimise in moto
Senza voltare indietro i suoi occhi verdi culo di bottiglia